Domande sulle Cloudbusters


Sono quarzi richiesti nei tubi di un cloudbuster?

Oggi no, ma devo spiegare perché. Il cloudbuster fu la prima orgonite inventata, ben prima di Tower Busters, HHG ecc. Quindi si può ancora trovare vecchie spiegazioni di costruzione di un cloudbuster che è spiegano di creare una base in resina/metallo con i tubi di rame/metallo piantati in esso e aggiungere quarzo a punta in ogni tubo. In questo caso è normale che dobbiamo aggiungere quarzo nei tubi, perché non ce n’è nella base, la base è fatta solo di resina/metallo mentre un’orgonite funzionale ha bisogno di resina/metallo e quarzo. Oggi tutti i Cloudbuster hanno direttamente il quarzo nella base, questo rende quasi inutile l’aggiunta di quarzo nei tubi. Qui sto parlando di un normale Cloudbuster; ma i cloudbuster induttivi non hanno bisogno del quarzo nei tubi perché li hanno anche nella base resina/metallo e, soprattutto, non funzionano allo stesso modo di un normale cloudbuster.

Anche se non sono assolutamente necessari, può solo essere utile, quindi avrai anche 6 quarzi da posizionare nei tubi di un normale cloudbuster se ordina qui, sono quarzi ad una punta, basta farli scorrere nei tubi con le punte diretate verso l’alto, come nella figura seguente:

Ce bisogno di purificare/pulire le quarzi nei tubi di cloudbuster?

No, perché come ha capito, questo problema si applicava ai Cloudbuster che non avevano quarzo nella base di resina/metallo, quindi il quarzo nei tubi faceva tutto il lavoro di trasmutazione e poteva essere “sovraccaricato”. Oggi Cloudbuster hanno già quarzo incluso nella base, i miè hanno circa 200g di quarzo (100g di quarzo bianco/grigio/trasparente, 100g di quarzo rosa), questa quantità è generalmente superiore al peso totale di 6 quarzo che sono inserito nei tubi. Se aggiunga quarzo nei tubi, non dovranno essere puliti o purificati perché non sono soli nella trasmutazione; sono supportati dal quarzo nella base stessa. Più quarzo è sempre meglio, quindi l’aggiunta di quarzo nei tubi può essere utile, ma non è necessariamente necessario se la base include già molto quarzo nella miscela resina/metallo.

Qual è il raggio di azione di un cloudbuster?

Questa domanda non ha una risposta molto precisa, dipende dall’ambiente e dagli inquinanti di tutti tipi presenti nell’ambiente circostante. Un cloudbuster da solo pulirà il cielo a poche miglia di distanza, ma per aumentare la portata di antenne si deve giftare (posizionare orgoniti vicino a fonti di inquinamento elettromagnetico). Più ce sarà antenne giftade nell’area, maggiore sarà la portata del cloudbuster. Il cloudbuster avrà effetti positivi visibili su tutta la natura nei 500-1000 m attorno, ma per vedere gli effetti estendersi a decine/centinaia di chilometri nel cielo è necessario organizzare tutti i dintorni, più ci sono orgoniti intorno (lontano e vicino) più il cloudbuster avrà orgone per supportare la sua azione su distanze più ampie.

Un cloudbuster porta il bel tempo?

Ho qualche volte avuto questa osservazione: “Ho installato Cloudbuster, ma fa ancora brutto”. Già per osservare gli effetti di un cloudbuster sul clima non si può osservare in un giorno, il clima cambia continuamente e quindi ci sono molti fattori da considerare. Le persone mi chiedono questo perché leggono su Internet che un cloudbuster può creare un buco nel cielo blu, il che è vero, ma non è un effetto permanente e fortunatamente non è permanente! Le persone pensano al clima dal loro punto di vista, il sole è buono per uscire fuori, la pioggia è così fastidiosa che nessuno lo vuole. Un cloudbuster non farà bel tempo, ripristinerà un clima naturale e dinamico. Visto dal punto di vista della natura, un clima naturale per le nostre regioni temperate è un clima con pioggia, sole, nuvole basse, cumulo, neve, periodi di gelo ecc. Prende tutte queste variazioni affinché la natura sta bene! Quindi il cloudbuster non li porterà bel tempo come per magia, non è l’obiettivo; un cloudbuster influirà positivamente sull’ambiente circostante, purificherà l’inquinamento nel cielo e ripristinerà il clima dinamico naturale nel luogo in cui si trova. Gli scienziati affermano che le onde elettromagnetiche (wifi, gsm, radio, ecc.) Non hanno alcun effetto sulla natura perché non sono ionizzanti, ma ciò non significa che non abbiano effetti, può leggerlo lei stesso su questa pagina di Wikipedia: https://it.wikipedia.org/wiki/Radiazioni_non_ionizzanti

Le microonde (1-300 GHz) hanno un effetto riscaldante dei tessuti corporei, le onde radio anche su una scala ridotta e tutti gli altri tipi di onde hanno effetti sul corpo umano. Rimaniamo sulle onde wireless utilizzate principalmente al giorno d’oggi (100 kHz – circa 15 GHz), hanno tutte un effetto riscaldante sui tessuti del corpo umano, quindi hanno un effetto sull’acqua, ma la bassa atmosfera appena sopra delle nostre teste è sempre più o meno umido, quindi tutte queste radiazioni elettromagnetiche hanno un effetto sull’acqua nell’atmosfera. Scientificamente non posso permettermi di fare ricerche per spiegare esattamente cosa sta succedendo, ma sembra che l’effetto leggermente riscaldante di tutte queste onde sull’acqua nell’aria impedisca all’acqua di comportarsi naturalmente, è meno ben assorbita dalla terra. L’esperienza (raggiungibile da chiunque) in basso a questa pagina Che cos’è l’orgonite con talee innaffiata con acqua riscaldata nel microonde mostra che l’acqua riscaldata nel forno a microonde uccidi la pianta! Ciò dimostra che sta accadendo qualcosa che distrugge la struttura naturale dell’acqua; le onde wireless nel nostro ambiente possono solo avere un effetto simile ma molto meno pronunciato perché il microonde concentra i suoi 700-1000 W su un piatto mentre le antenne telefoniche (torri a 3 facciate), ad esempio, irradiano aree di diversi chilometri quadrati con una potenza media di 2500 W. Quindi l’effetto negativo sull’acqua nell’atmosfera è molto piccolo ma non assente. Non so esattamente cosa stia succedendo in un cielo orgonizzato; sembra che la presenza di orgone ionizzi leggermente l’atmosfera, si forma un eccesso di elettroni nell’aria e quindi anche le molecole d’acqua vengano caricate negativamente. Poiché il terreno è leggermente elettricamente positivo quando è asciutto, l’acqua caricata negativamente sarà attratta e assorbita in modo più efficace dell’acqua “sfigurata” dalle onde elettromagnetiche. Ma ci sono molte cose da tenere in considerazione, la qualità del suolo è anche importante, terreno di coltivazione intensiva ucciso da pesticidi, fertilizzanti e mancanza di ecosistema naturale (batteri, insetti, piccole piante ecc.) non assorbirà correttamente l’acqua di pioggia.

Per tornare sulla domanda, il cloudbuster non porta bel tempo, porta un clima naturale perché pulisce pieno di inquinamenti, inquinamenti elettromagnetici, ma anche inquinamenti come biossido di azoto, ozono, particelle, influenzano tutti il ​​modo in cui l’acqua si comporta nell’aria poiché non dovrebbero essere nell’atmosfera in primo luogo. Quindi non aspettarli di avere 365 giorni di sole se installa un Cloudbuster, non sarà così. Comunque il clima sarà più dinamico e cambierà se le condizioni generali sono all’appuntamento. Ad esempio, per questo effetto di buco nel cielo, si verifica principalmente quando ci sono solo cumuli nel cielo e può durare al massimo una o due ore. Questo effetto può verificarsi anche durante periodi di pioggia variabile, i disturbi che sono composti da molti cumuli ma anche da molte nuvole che caricano molto acqua; in questo caso sarai in grado di osservare facilmente che piove, che dopo è bello con un buco temporaneo nel cielo, che piove di nuovo, quindi un buco viene riformato ecc. Ma un buco blu permanente nel cielo non è naturale e ciò non accadrà. Aspettateci un clima molto dinamico che porterà precipitazioni più efficaci e più sole.

Infine, per parlare di scie chimiche, per chi è a conoscenza, sono le strisce chimiche/tossiche rilasciate dagli aeroplani nel cielo. Non voglio entrare nel dibattito su “se è intenzionale o no”, non mi interessa davvero per dire la verità, che è certo è che ci sono pieni tipi di inquinamento nell’aria, è abbastanza per me. Sono interessato a gli soluzioni, cloudbuster (e orgoniti in generale) che eliminano questi inquinamenti, è il più importante. E non dimentica, anche ignorando questo argomento, che tutti gli aerei inquinano, perché consumano cherosene e quindi rilasciano rimanente di combustione come qualsiasi auto a terra. Dovrebbe anche essere noto che questi treni aerei sono più o meno visibili a seconda delle condizioni meteorologiche e che anche se è intenzionale e ci sono davvero inquinanti, la maggior parte del contenuto di questi sentieri rimane vapore di acqua! Un cloudbuster pulirà il cielo da questi inquinamenti, ma se c’è molta umidità nell’aria, l’acqua non scomparirà magicamente, c’è sempre umidità nell’aria, la temperatura di l’aria a precisi altitudini sarà la condizione che consente all’acqua di trasformarsi in cristalli di ghiaccio o rimanere allo stato liquido. Quindi, in base a queste condizioni, a volte o vede più o meno strisce di velivoli nel cielo. Il cloudbuster tenderà in ogni caso a rimuovere queste strisce un po ‘più velocemente dal cielo nelle vicinanze, ma non tutti, perché i resti di vapori/cristalli d’acqua non fanno male all’ambiente.

Cosa fare con l’acqua di pioggia nei tubi?

I tubi dei Cloudbusters sono aperti nella parte superiore, è ovvio che all’esterno, quando piove, i tubi si riempiranno di acqua. Non importa, non è necessario proteggere/chiudere i tubi, l’acqua non interferisce con nulla, se è più vantaggioso di qualsiasi altra cosa. I tubi Cloudbuster non arrugginiranno, in particolare i tubi in alluminio che non arrugginiscono, ma anche i tubi di rame non si arrugginiscono, si ossidano leggermente nel tempo e diventano più scuri all’esterno, per all’interno non riesco a vedere, ma non sembra essere molto diverso.

Ecco una foto di un Cloudbuster con tubi di rame che è stato installato nel settembre 2006 e da allora non è mai stato pulito. (foto: maggio 2012)

Cloudbuster a induzione con tubi di rame installati nell’aprile 2010. (foto: maggio 2012)

In inverno, l’acqua congelata nei tubi non disturba neanche, non può deteriorare/rompere il quarzo nei tubi, se presente; i quarzi sono molto solidi.
I tubi sono aperti e quindi l’acqua che si congela può rilasciare la pressione di aumento del volume di acqua che si trasforma in ghiaccio dall’alto, ma potrebbe essere tuttavia più saggio prevenire l’acqua di entrare nei tubi in inverno in paesi come il Canada…

Tenere un Cloudbuster all’interno?

I cloudbuster sono fatti per essere installati all’aperto, ma funzionano molto bene anche in ambienti chiusi: cemento, coperture, legno, travi metalliche, ecc. non blocca la dispersione dell’orgone. Tuttavia non è raccomandato; in ogni caso se è la prima volta che scopra l’orgonite; perché come spiegato in questa pagina Effetti dell’orgonite sugli esseri viventi può essere solo fastidioso perché troppo potente all’inizio, non deve dimenticare che un Cloudbuster è l’equivalente di 100 Tower Buster assemblati in un unico pezzo, più i sei tubi in esagono che amplificano ancora di più l’effetto.

Lunghezza dei tubi?

La lunghezza dei tubi standard di un cloudbuster è di circa 2m. Non c’è davvero alcuna scienza esatta dietro questo per spiegare questa lunghezza, è quella che viene utilizzata a livello mondiale ovunque e funziona molto bene. Può avere tubi di 3m, 4m, anche di più. Ciò che è comunemente accettato è che più i tubi sono lunghi, più il cloudbuster può influenzare l’atmosfera a livelli più elevati. Ciò che sembra importante è soprattutto avere una cavità vuota nei tubi che è abbastanza larga, con un diametro superiore a 20mm. Non posso davvero dirne di più perché non ne so più. Una base di cloudbuster, come un grande blocco di orgonite ha già effetti enormi sull’ambiente circostante, ma non sul cielo se non ci sono i tubi di lunghezza abbastanza sufficiente, i tubi fungono da guida per onde per dirigere l’orgone ad emettere o assorbire nella direzione desiderata, cioè il cielo. Se ha una lunghezza del tubo di 1m è meglio di niente, ma circa 2m è dove è più efficace. Avere 3m, 4m non può che essere migliore, ma da un punto di vista pratico non è pratico avere un oggetto alto da 4m. Se è collocato fuori sarà meno stabile. Fondamentalmente, tutto quello che posso dire è che le lunghezze dei tubi tra 1,5m e 2,5m sono ideali per un buon cloudbuster.

Dove/Come posizionare un cloudbuster?

Risposta breve, può posizionarlo dove vuole, come vuole, funzionerà sempre. Ma ci sono aspetti pratici utili da sapere. Se ha un giardino, può seppellire la base senza preoccupazioni e questo è molto pratico perché se è all’aperto sarà più stabile nel vento, ma anche si purificherà/pulirà energicamente da solo, perché è collegato al suolo ed esposto al sole e alla pioggia. È l’ideale, come per qualsiasi orgonite all’esterno, perché la natura se ne prende cura per noi. Il cloudbuster viene sciacquato, esposto al sole e collegato al suolo. Questi sono tutti modi per purificare/ricaricare qualsiasi orgonite.
Se non ha un giardino, il cloudbuster posizionato su un balcone o una lastra di cemento su una terrazza è anche molto buono, sarà meno stabile contro il vento in quanto non è fissato al suolo, ma si purificherà anche perché è esposto al sole e alla pioggia.
Non esitare a seppellire la base se può, è la cosa la più pratica da fare in modo che sia molto stabile e la base in resina non tema l’erosione di fronte agli elementi del natura.
Un altro aspetto pratico da tenere in considerazione è l’effetto di parafulmine. Perché il cloudbuster (base inclusa) è un buon conduttore di corrente. Su una terrazza o un balcone in pietra non ci saranno problemi da questo punto di vista. Ma se lo mette in un giardino, può fungere da parafulmine se non ci sono alberi (o altri parafulmini) più in alto. Se ha paura di questo, può seppellire la base mettendola in un secchio di plastica, in modo che sia isolata della terra e non sarà in grado di fare un parafulmine. Detto questo, ho cloudbusters in contatto diretto con la terra del giardino per diversi anni e non ho mai avuto problemi con il temporale e non conosco nessuno che ha avuto tali problemi.
Anche al contrario, in una tempesta, i venti sono generalmente meno violenti nelle vicinanze che più in là e il fulmine non tende a cadere nelle vicinanze molto vicino al cloudbuster. Ma questo è il normale effetto di un cloudbuster, che sia in terra o non.

Si noti tuttavia che è meglio evitare di posizionare un cloudbuster in un luogo in cui ci saranno molti strati di materiale in cima. Come spiegato sopra (Tenere un Cloudbuster all’interno?): cemento, coperture, legno, travi metalliche, ecc. non blocca la dispersione dell’orgone.
Questi materiali non bloccano l’effetto del cloudbuster, ma se ce ne sono davvero tanti, allora sì. È meglio non posizionare un cloudbuster nel seminterrato di un edificio di 10 piani. Con tutti gli strati di cemento che ci saranno tra il cloudbuster e il cielo, non avrà più alcun effetto reale sul cielo. Tuttavia, avrà un grande effetto su tutte le persone nell’edificio!
Po posizionare un cloudbuster ovunque, può essere circondato da piante, nel mezzo di un cespuglio, sotto un albero, su un balcone, ecc. Ma evita che ci siano più strati spessi di materiali sulla parte superiore del cloudbuster, non diminuirà il suo effetto su persone, onde, ecc. Ma diminuirà il suo effetto sul cielo e sul clima perché il suo effetto sarà diluito nelle aree che l’orgone deve attraversare prima di raggiungere il cielo.

Quarzi nei tubi, mono o bi terminati?

Questa domanda mi è stata spesso posta e non posso rispondere in modo specifico. L’unica cosa che posso dire è che se ha quarzi biterminati con punti quasi perfetti su i due lati, sono stati tagliati. Il quarzo con punta cresce in gruppo/cluster come nella foto sotto:
Quartz-Cluster1

I quarzi hanno sempre due polarità, una collegata al suolo e un all’aria. Il quarzo naturale biterminato è molto raro, perché significa che il quarzo a potuto separarsi dal gruppo perché ha formato una punta abbastanza accentuata verso il basso. Ma questa punta non sarà perfetta (o almeno è molto raro). Ecco come si presenta un quarzo doppio terminato naturale.
quarzi biterminati naturale

Qui ci sono due quarzi biterminati, che erano in realtà monoterminati e ai quali è stato tagliato una punta sul lato che non ne aveva.
quarzo biterminato tagliato
Non è sempre facile sapere quale sia il lato collegato a terra, nella foto ho cerchiato in rosso quelli in cui è ovvio vedere che è stato scolpito una seconda punta (di solito è la parte la più nuvolosa/opaca).
Questo è in definitiva ciò che è più importante a sapere per posizionare un quarzo nei tubi; quale lato era naturalmente collegato al terreno/gruppo e quale lato era nell’aria. Se è monoterminato, è ovvio quale lato dovrebbe essere verso il basso e quale dovrebbe essere verso l’alto, è inserito nei tubi nella stessa direzione in cui era in natura. Con un quarzo biterminato è lo stesso, deve trovare quale punta era a terra e quale punta era all’aria per posizionarlo correttamente. Detto questo anche se è invertito non sarà male, perché come spiego sopra, il quarzo nei tubi non è nemmeno necessario… Ma è ovvio che sarà potenzialmente meglio se ci sono quarzi nei tubi e che sono posizionati nella giusta direzione. E, metafisicamente parlando, quarzi biterminati (artificiale o no) sono comunemente considerati più potente, ma al momento non è scientificamente dimostrabile. E nella stessa vena, può anche usare un pendolo per sapere quale lato dovrebbe essere messo verso l’alto e quale verso il basso.

Assemblaggio cloudbuster torsione

In quanto questo cloudbuster non è con tubi diritti, ma attorcigliati, è utile per lei di sapere come montarlo, perché se si metti prima tutti i tubi non si può mettere il disco.

Se iniza con il kit completo acquistato qui, monta prima i 6 tubi della parte inferiore:
P1020382

Successivamente, inserira due estensioni e il disco in modo che il disco si mantenga più o meno in posizione. Se ha già le sue tubi con tutta la loro lunghezza, mette solo 2 con il disco sopra.
P1020384

Quindi fa scorrere il resto dei tubi uno alla volta dall’alto, attraverso il disco fino a raggiungere la base (o l’estensione inferiore per il kit).
Una volta i 6 tubi posizionati, è possibile stringere il punto di torsione a poco o meno un metro dalla base. Sull’immagine è con nastro arancione per essere chiaramente visibile, ma un cavo o un morsetto di gomma ecc. farà molto bene il lavoro. Questo restringimento non è assolutamente necessario, ma è comunque molto utile per rendere il cloudbuster molto stabile.
P1020385

Dopo non ce più altro da fare che mettere il 7° tubo centrale.
Se ha il kit, mette il connettore per unire le due estremità di 75cm ed è assolutamente necessaria aggiungere una buona dose di nastro (o colla) per tenere insieme le due parti, poiché dato che sarà sospeso nel vuoto nel mezzo, se le due parti non sono attaccate, la parte inferiore cadrà.
P1020388

Quindi posiziona un altro giro di nastro attorno al tubo in modo che non scivola attraverso il foro.
P1020389P1020390

Come può vedere, il tubo centrale scende un po ‘più in basso rispetto al centro di torsione, non deve toccare la base, deve fermarsi poco dopo il nodo di torsione.
P1020391

In questa foto, il tubo centrale raggiunge la linea rossa, che è più o meno dove dovrebbe fermarsi.
P1020392

Se lo desidera, può allargare ulteriormente i tubi per allargare la torsione, ma ricorda di posizionare il tubo centrale alla giusta distanza. Qui va troppo in basso (linea rossa), dovrebbe raggiungere la linea verde approssimativamente. Anche il tubo centrale deve sempre superare sopra gli altri, qui non supera quasi.
cbt2354

Per la lunghezza dei tubi, la persona che ha avuto l’idea di questo cloudbuster raccomanda l’uso di estensioni di 1,5m.
Cloudbuster a torsione
Non posso dirli se c’è una dimensione esatta, perché l’uso di 7 tubi da 1,5m, più 6 x 25 cm nella base (1,5m in totale) è stato solo pratico per usare esattamente 4 tubi di 3m per la costruzione, che sono dimensioni standard negli Stati Uniti. Suppongo che può benissimo usare 7 tubi da 2m, deve solo rispettare il fatto che il tubo centrale sporge sempre verso l’alto e che non scende molto sotto del punto di torsione.

Chemtrails?

Alla fine del capitolo Un cloudbuster porta il bel tempo?, ho scritto:

Infine, per parlare di scie chimiche, per chi è a conoscenza, sono le strisce chimiche/tossiche rilasciate dagli aeroplani nel cielo. Non voglio entrare nel dibattito su “se è intenzionale o no”, non mi interessa davvero per dire la verità, che è certo è che ci sono pieni tipi di inquinamento nell’aria, è abbastanza per me. Sono interessato a gli soluzioni, cloudbuster (e orgoniti in generale) che eliminano questi inquinamenti, è il più importante. E non dimentica, anche ignorando questo argomento, che tutti gli aerei inquinano, perché consumano cherosene e quindi rilasciano rimanente di combustione come qualsiasi auto a terra. Dovrebbe anche essere noto che questi treni aerei sono più o meno visibili a seconda delle condizioni meteorologiche e che anche se è intenzionale e ci sono davvero inquinanti, la maggior parte del contenuto di questi sentieri rimane vapore di acqua! Un cloudbuster pulirà il cielo da questi inquinamenti, ma se c’è molta umidità nell’aria, l’acqua non scomparirà magicamente, c’è sempre umidità nell’aria, la temperatura di l’aria a precisi altitudini sarà la condizione che consente all’acqua di trasformarsi in cristalli di ghiaccio o rimanere allo stato liquido. Quindi, in base a queste condizioni, a volte o vede più o meno strisce di velivoli nel cielo. Il cloudbuster tenderà in ogni caso a rimuovere queste strisce un po ‘più velocemente dal cielo nelle vicinanze, ma non tutti, perché i resti di vapori/cristalli d’acqua non fanno male all’ambiente.

Cercherò di essere chiaro e di spiegare di nuovo ciò che mi sembra importante dall’inizio, perché mi sembra che molte persone siano ossessionate dalle loro paure su questo argomento e, ho notato, non leggano solo quello che vogliono leggere e lo interpretano come vogliono. Risultato, alcune persone vengono a farmi domande assurde ogni volta che il cielo non è blu al 100% al momento delle irrorazione, perché semplici fenomeni fisici non sono mai stati spiegati o compresi… E alcuni siti Web pubblicizzano in modo fuorviante i cloudbuster (e altri strumenti) come uno strumento per proteggere dalle scie chimiche; soprattutto scegliendo i giorni giusti per le dimostrazioni!
Vado rimettere le cose a posto. Li chiedo di mettere da parte le fobie e le paure sull’argomento per alcuni minuti, leggere questo testo in silenzio e prendersi il tempo di riflettere. :)
Ciò che ci fa vedere le nuvole nel cielo, di tutti i tipi, cumulo, nimbo, cirro, strato … Questi sono i cristalli di ghiaccio, è l’acqua in forma congelata.
Ecco un grafico che mostra le variazioni di temperatura per i diversi strati dell’atmosfera:
gsed_0001_0002_0_img0298
Nota chiaramente che l’atmosfera è sempre a temperature inferiori a 0°C, tranne che molto vicino al suolo. E nella stratopausa intorno ai 45-55 km di altitudine è spesso negativo ma molto vicino a 0°C e può essere positivo nei giorni di pieno sole a causa delle reazioni di ossigeno/ozono con UV. Ma non è importante, noi altitudini che ci interessano sono tra 5 km e 10-11 km, la troposfera al limite della tropopausa, che è il limite al quale volano gli aerei. Come può vedere, ci fa generalmente freddo! Tra -13°C (260 K) e -53°C (220 K). E ci sono livelli di umidità variabili.
Ora un po ‘di chimica di base: la combustione completa di idrocarburi richiede idrocarburi e ossigeno (O2), i principali risultati di questa combustione sono l’anidride carbonica (CO2) e l’acqua (H2O).
Quindi ogni volta che un aereo vola in cielo, indipendentemente dall’altitudine, rilascia acqua e CO2, è normale, come le nostre auto, i nostri trattori, i nostri camion ecc. È così che sono spiegate i normali scie di condensazione degli aerei che volano a circa 10-11 km sul livello del mare, rilasciano acqua durante il loro viaggio, che si congela istantanea, è normale! Non sto parlando di irrorazione lì, sto parlando delle normali traiettorie di condensazione, possiamo comunque ancora ne vedere. Seguono l’aereo e scompaiono (per sublimazione, trasformazione del ghiaccio in gas diretto) come e quando vengono creati. Per aerei ad altitudine molto elevata ed è abbastanza normale, questi aerei sono piccoli quando lo guardi, è un punto che si sta muovendo in avanti, sono molto alti.
Per gli aerei spargitori (con tracce persistenti per usare un bel termine :) ), non è la stessa cosa, sono generalmente più bassi, possiamo vedere la forma delle loro ali, i colori ecc.
Ecco un’illustrazione (clicca per ingrandire), ero ad Andorra a circa 2000m sul livello del mare, possiamo vedere chiaramente che l’aereo che rilascia una scia di condensa naturale (cerchiata in rosso) è ad altitudine molto elevata, è un punto molto piccolo nel cielo, è normale. D’altra parte, gli altri sentieri che quadrettano l’intero cielo non sono affatto alla stessa altitudine, solo un confronto della larghezza delle tracce tra quella del aereo che è solo un punto nel cielo e tutti gli altri si può capire molto bene che sono molto più vicini al suolo.

Quindi, non aspettarti che un cloudbuster rimuova immediatamente ogni striscia e ogni volta, è troppo semplice, deve tenere conto delle condizioni meteorologiche. Come avrà notato lei stesso, ci sono giorni di cielo blu o anche se possiamo vedere centinaia di aerei che passano nel cielo, non c’è una traccia, rimane blu (in estate prevalentemente). Potrei divertirmi a fare un video con un cloudbuster uno di questi giorni e dire che cancella tutto, ma è una bugia, sono le condizioni meteorologiche che lo fanno, cloudbuster o no, in quei giorni il cielo rimane tutto blu un punto e basta.
E poi ci sono giorni in cui persistono le strisce. E quelli che sono interessati all’argomento hanno visto che ci sono giorni in cui ci sono migliaia di aerei che passano in un giorno e altri in cui ce ne sono solo poche decine, ci sono per giorni di irrorazione è ovvio! Ma ancora una volta non dimenticare che se le condizioni meteorologiche sono adeguate, anche un giorno di grande irrorazione, nulla sarà visibile.
E per questo devo parlarli del processo di sublimazione, del passaggio diretto di un elemento dal suo stato solido al suo stato gassoso, qui sto parlando dell’acqua che va direttamente dal ghiaccio al gas. È un processo endotermico (il calore viene assorbito) e sono necessarie le seguenti condizioni perché succede, la temperatura è inferiore al punto triplo e/o la pressione atmosferica è inferiore al punto triplo.
Il punto triplo corrisponde all’esistenza dell’elemento in questione nei suoi 3 stati contemporaneamente. Per l’acqua, significa che nel punto triplo, l’acqua è solida, liquida, come gassosa, i 3 stati esistono simultaneamente. Il triplo punto d’acqua è una temperatura di 0,01°C (273,16 K) e pressione di 611 Pa (0,006 atm).

Spero che segua, perché è molto importante, nell’atmosfera superiore (~5-10 km), la pressione è superiore a quella del punto triplo, ma la temperatura è più bassa e di molto! Va da -10°C a -50 C all’incirca, che è ben sotto di 0,01°C. Quindi una condizione che permette la sublimazione dell’acqua è sempre presente.
Perché i cristalli d’acqua si sublimano, è sufficiente che assorbano abbastanza calore, o in estate, quando il sole è al suo apice i suoi raggi sono ad un angolo che trasmette più energia (angolo retto), la sublimazione dei cristalli di ghiaccio nell’atmosfera sono estremamente probabili in queste condizioni. Questo ha il risultato ovvio che tutte le traccie scompaiono quasi all’istante. I giorni (di cielo blu) dell’estate è facilmente osservabili, al mattino ci sono dei aerei che trascinano e iniziano a coprire il cielo, e il sole è basso (illuminazione ad angoli che sono riflessi/rifratti e non sono sufficientemente assorbito dai cristalli di ghiaccio… i cristalli di ghiaccio non possono riscaldarsi), quando le ore di mezzogiorno arrivano tutte le strisce visibili nel cielo iniziano a sublimarsi, nel pomeriggio non nulla rimane visibile nel cielo e la sera può diventare di nuovo visibile se gli aerei sono ancora in missione. ;)
Ecco perché ho insistito sul fatto che questi giorni di cielo blu senza strisce sono per la maggior parte del tempo in estate! È normale, il sole durante l’estate è ad angoli che consentono una sublimazione del ghiaccio molto più probabile che in inverno! Le persone hanno brevi ricordi, io noto, osservo, le persone si lamentano delle scie chimiche nei giorni con condizioni di alta pressione (cieli sereni) in inverno, d’altra parte in estate quando fa caldo, non rimane nessuno per lamentarsi, perché quando ci sono condizioni anticicloniche il cielo rimane completamente blu (visivamente) proprio a causa dell’angolo del sole che sublimerà qualsiasi cristallo di ghiaccio in vapore… È normale che le strisce sono molto più persistenti in inverno, il sole è più basso, gli angoli in cui la luce arriva sulla terra non sono abbastanza ampi da riscaldare efficacemente i cristalli di ghiaccio, sono riflettiti o rifratti, ma non sono assorbiti, pertanto la sublimazione dei cristalli di ghiaccio non è spesso possibile, risultato: se si stanno irrorando, rimane visibile un lungo tempo nella forma di cristalli di ghiaccio!

Ora che questo argomento molto importante è chiaro, dobbiamo capire di cosa stavo parlando molto più in alto, quando ci sono molti aerei che attraversano il cielo dalla mattina alla sera, se le condizioni meteorologiche non sono abbastanza buone per consentire la sublimazione dei cristalli di ghiaccio, le strisce rimarranno visibili. E dobbiamo capire che se c’è una scia visibile, è visibile perché sono cristalli di ghiaccio, o ghiaccio legato a nanoparticelle di alluminio, o ghiaccio legato a nanoparticelle di bario ecc. Ma è principalmente acqua e nient’altro nel cielo, poiché la diffusione è tutta bianca, significa che ci sono molti cristalli di ghiaccio! Se tutti questi cristalli di ghiaccio non possono sublimarsi, hanno solo un’opzione, rimanere nella forma di ghiaccio nel cielo! E poi trasformasi in cirri..

Quindi, a seconda delle condizioni meteorologiche, se ci sono 500 aerei che passano durante il giorno, non aspettarsi a vedere il cielo blu ogni volta, perché tutti questi aerei che passano aumentano l’umidità dell’atmosfera con tutti questi cristalli di ghiaccio che si sono diffusi insieme ad altre cose… Hanno diffuso l’acqua perché è il risultato della combustione del cherosene e forse applicano anche acqua in più delle nanoparticelle? che non so.. Se i cristalli di ghiaccio non possono sublimarsi, rimarranno lì e visibili! Come ho detto sopra anche, con la foto di Andorra, gli aerei che si stanno irrorando passano a altezze più basse, mi sembra, cioè a temperature atmosferiche più alte, il che significa anche che la sublimazione sarà meno probabile, poiché più la differenza tra il punto triplo e il parametro modificato (qui la temperatura) è ampia, meno la sublimazione richiede energia; ad altitudini più elevate, fa più freddo, il sole ha bisogno di meno calore per sublimare ghiaccio in vapore. Anche questo è un fattore da considerare, poiché non a quale altitudine gli aerei che irrorano passano, è sicuramente variabile, se irrorano più basso, la sublimazione è meno facile che a altitudine più elevate, ovviamente dobbiamo tenere conto anche degli altri fattori.

Per continuare, l’obiettivo di un cloudbuster non è di rendere il cielo blu, sebbene sia spesso visibile. Non posso confermare quanto segue, questa è la mia teoria! Dato quello che ho già descritto molto più in alto; “La presenza di orgone sembra ionizzare l’aria e l’atmosfera”; possiamo vedere che in un altro modo, una ionizzazione è un aumento di energia! I cristalli di ghiaccio riscaldati dalla luce solare hanno un contributo di energia, come ho detto sopra, che consente la sublimazione se questa reazione endotermica è sufficiente. Se i cristalli di ghiaccio sono ionizzati in presenza di orgone, la loro energia è già aumentata, quindi hanno bisogno di meno energia dal sole per sublimarsi… Quindi un cielo blu più spesso, ma a volte , l’orgone più il sole non sono ancora abbastanza insieme per permettere ai cristalli di sublimarsi, quindi il cielo rimane lattiginoso. Questa teoria è la più completa che abbia mai avuto (aprile 2015), che mi sembra coerente perché i cieli completamente lattiginosi sopra un cloudbuster, si verificano solo in inverno a ciò che ho osservato.

Per essere preciso in termini di fisica, ho semplificato parlando di ionizzazione. Ma ciò che intendo precisamente è che uno o più elettroni sono in stati eccitati al di sopra dello stato di riposo, le molecole non sono ionizzate. Se diversi elettroni delle molecole d’acqua si trovano in stati eccitati, l’intera molecola avrà bisogno di meno energia per la sublimazione.

Infine, l’obiettivo di un cloudbuster è quello di purificare il cielo, i cristalli di ghiaccio in eccesso a causa di irrorazione troppo lunghe e massiccia sono solo un gene visivo, certamente non mi rende particolarmente felice, ma so che nonostante le apparenze, a terra sono molto ben protetto. Posso solo condividere due esempi su questo argomento, un uomo in “creuse” (un dipartimento di francia) che mi ha comprato 3 cloudbusters tra il 2009 e il 2010 perché c’erano molti irrorazione nella sua zona. Certamente aveva un miglioramento visivo nel cielo di cui è ancora molto contento oggi, ma soprattutto aveva fatto un’osservazione secondaria molto sorprendente; era abituato ad avere acqua di pioggia brunastra/rossastra in secchi nel giardino, si è reso conto che pochi mesi dopo aver installato il primo cloudbuster e aver giftato nel suo posto, l’acqua di pioggia era diventata di nuovo trasparente. Un residente svizzero vicino all’aeroporto di Zurigo ha riportato la stessa osservazione nel 2013, aveva preso 4 cloudbusters (per lui e per gli amici) perché era sfinito delle scie, a notato anche una differenza visibile; ma soprattutto, il cambiamento che lo ha segnato; era anche abituato ad avere pioggia marrone/rossa a causa dell’inquinamento degli aerei, nemmeno delle scie chimiche, lì apparentemente c’era la vicinanza dell’aeroporto, un mese dopo l’installazione mi a riferito che l’acqua di pioggia era trasparente con sua grande meraviglia.
Se ha pioggia rossa/marrone, fa foto/video prima di installare orgoniti per favore, non ho prove perché queste due persone non hanno pensato a farlo, non si aspettavano a questi cambiamenti!
Detto questo, con la quantità di orgoniti prevalenti in Francia (e altri posti), deve essere diventato un fatto molto raro di avere pioggia marrone, penso che al giorno d’oggi l’inquinamento idrico sia più dovuto all’agricoltura e le nostre attività terrestri, che a le irrorazione aerea. Non posso provare come si produce questa pulizia delle scie chimiche, ma la mia teoria è semplice. È una trasmutazione atomica degli elementi, cioè una trasformazione del nucleo degli atomi di questi materiali dannosi, che li trasforma in elementi innocui. Ma non venire a raccontarmelo :) , l’ho studiato all’università, la trasmutazione dei materiali non è considerata possibile a energie così basse… Ma questo è un soggetto molto più grande, per me è ovvio che l’orgonite agisce sulla struttura vibratoria degli atomi a una scala atomica, ma per il momento supera la comprensione scientifica, quindi pazienza, arriverà un giorno. :)
In ogni caso, ciò che è importante ricordarsi è che un cloudbuster protegge dall’inquinamento, anche se le apparenze non sono sempre lì.

Ecco un esempio di cosa può anche accadere, visivamente, a casa, il 14 aprile 2015. :)
(Clicca per ingrandire.)

10h15 13h40 17h00 19h30

Era una bella giornata, ma non era ancora l’estate, quindi come spiegato sopra, al mattino nessuna sublimazione (angolo del sole troppo basso), il ghiaccio delle tracce rimane visibile! Ma non si estende… E poi scompa mentre la giornata avanza e l’illuminazione del sole aumenta di intensità per sublimare il ghiaccio in vapore.
Tuttavia, possiamo notare che le tracce scompaiono un po ‘meglio sopra la mia casa che in giro. Il che, come ho spiegato sopra, mi sembra dovuto alla ionizzazione causata dall’orgone che riduce l’energia necessaria da parte del sole per sublimare i cristalli di ghiaccio.